fbpx
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Ristrutturare una casa colonica regala all’immobile un aspetto davvero unico ed esclusivo che poche altre tipologie di immobili possono offrire

ristrutturare-casa-colonica

Una casa rustica o colonica, è un immobile rurale in cui abitavano le famiglie che un tempo lavoravano i campi della fattoria principale. Gli abitanti non ne erano proprietari ma avevano un contratto di mezzadria con il vero proprietario.

La Toscana è piena di esempi di questo particolare tipo di edificio, talvolta anche abbandonato, molto spesso inseriti in un contesto davvero unico e particolare. Una volta ristrutturata, la casa colonica assume una nuova vita e il risultato di tale lavoro è difficilmente replicabile.

Andiamo allora a vedere quali sono i 5 buoni motivi per ristrutturare una colonica

1) Unicità

Ogni colonica è diversa, non esiste uno standard. Le prime case toscane di questa tipologia, risalgono ai primi del ‘500, poi l’inizio dell’industrializzazione ed il progressivo spostamento della popolazione dalle campagne alla città, ha portato all’abbandono di molte di queste residenze.

Va sottolineato che questo tipo di edificio, che generalmente veniva realizzato in pietrame o in mattoni e pietra, con tetto in tegole (coppi ed embrici), presenta pareti molto spesso non allineate ed irregolari, questo perché dovevano adattarsi all’altimetria del terreno su cui sorgevano e perché venivano realizzate con ciò che si trovava in loco, quindi quasi sempre con pietre di varie pezzature.

Gli elementi che rendono tipico questo tipo di edificio sono:

– Corpo allungato dell’edificio principale;

– Tipicamente nella parte centrale può essere presente una torretta (la colombaia o piccionaia);

– Stalla al piano terreno con porta separata;

– Ripostiglio per attrezzi annesso all’abitazione aperto sulla facciata con un grande arco;

– Loggia sulla facciata principale della casa, dove di norma si accede alla cucina dove è sempre presente il focolare;

– Davanti c’è la grande aia, generalmente esposta a Sud dove vi scorrazzavano animali e bambini;

– Più staccati vi sono il fienile e la concimaia;

– Il pozzo è quasi sempre in prossimità dell’aia;

Tutti questi elementi, rendono davvero unico l’edificio ed anche molto accogliente e caldo l’ambiente.

La colonica una volta ristrutturata diventa davvero un oggetto di pregio e con caratteristiche storiche e tradizionali di indubbia bellezza.

2) Vita in Campagna

Proprio per l’utilizzo che di questi immobili ne veniva fatto, la caratteristica principale è appunto quella della location. Se vuoi vivere nel verde a contatto con la natura e lontano dallo stress cittadino, questo è l’immobile giusto per te.

Non per caso Americani, Russi, Tedeschi ed Inglesi, che amano la campagna, investono nella ristrutturazione di immobili di questo tipo in Toscana, la caratteristica e la bellezza dei luoghi su cui sorgono, li rende veramente attraenti per gli stranieri.

Basti pensare che l’ex borgo Medievale “fantasma” (disabitato dagli anni ’60) di Castelfalfi in provincia di Pisa, che è stato interamente ristrutturato dal Gruppo TUI Tedesco www.castelfalfi.com , www.postcardsfromtuscany.com

Se non fosse per l’eccessiva burocrazia italiana, probabilmente la Toscana sarebbe già stata interamente colonizzata dagli stranieri (questo è proprio il caso di dire per fortuna).

ristrutturazione-colonica

3) Incentivi e Sgravi Fiscali

INCENTIVI: Sconti sugli oneri pari al 50% per il recupero di edifici abbandonati.  La Regione Toscana incentiva il recupero degli edifici abbandonati in aree rurali. I proprietari potranno ottenere uno sconto del 50 per cento sugli oneri da pagare se decideranno di ristrutturare i casali abbandonati secondo le attuali normative in merito al miglioramento energetico e sismico degli edifici;

SGRAVI FISCALI: E’ possibile usufruire delle detrazioni fiscali per la ristrutturazione che continuano ad essere prorogate (almeno per tutto il 2017) e sono divisi in:

Ristrutturazioni dell’involucro; la detrazione riguarda il 50% fino ad euro 96.000,00 per 10 anni;

Riqualificazione energetica;  la detrazione riguarda il 65% per le opere necessarie al miglioramento energetico dell’edificio fino ad euro 96.000,00 per 10 anni;

Sima Bonus la detrazione riguarda interventi di miglioramento sismico e consente lo sgravio fino al 70% della spesa sostenuta per il miglioramento di 1 classe di rischio inferiore, fino ad arrivare all’80% per il passaggio di due classi di rischio inferiori. Resta il massimo di 96.000 Euro, che nel caso più unità deve essere moltiplicato per il loro numero.

4) Piano Casa

Sempre rispettando alcuni parametri per il piano casa Toscana, è possibile ottenere un ampliamento pari al 20% della superficie utile lorda fino ad un massimo di 70 mq e per la demolizione e ricostruzione fino al 35% della superficie utile lorda. Consentendo di fatto di aumentare il valore dell’immobile creando pertinenze o nuove unità abitative.

Ci sono comunque delle condizioni di ammissibilità che devono essere verificate caso per caso.

ristrutturazione-casa-rustica

5) Rivendibilità

Proprio per le ragioni di cui parlavamo al punto 2), gli edifici ex rurali una volta ristrutturati e rimessi a nuovo, sia per il contesto (zone a verde) sia per l’unicità (nessuna colonica è uguale all’altra), offrono un potenziale molto apprezzato sia da acquirenti stranieri sia da Italiani che amano dal vita più appartata priva del caos frenetico del centri abitati.

Esistono infatti molti portali specializzati di cui non vogliamo farne il nome che trattano specificatamente la vendita di case coloniche in Toscana, basta verificare sui motori di ricerca digitando “Case in Toscana” o “Coloniche” o “Rustici” “…in Toscana” e vedrete quante ne verranno fuori.

IN CONCLUSIONE

Se tu sei in procinto di investire in un immobile di sicuro valore e ti piace la vita nel verde, allora il nostro consiglio è di investire in questo tipo di residenza. Inoltre cosa di cui non abbiamo parlato sopra e di non meno importanza è l’interesse turistico che possono avere questi immobili.

L’investimento sarebbe da fare soltanto per esser messo a redditto per l’affitto periodico a turisti esteri, desiderosi di venire a passare qualche giornata in totale relax in campagna.

Quindi se hai trovato un immobile con queste caratteristiche o vuoi semplicemente dei consigli su come ristrutturare finemente una ex casa colonica, ti mettiamo a disposizione il nostro background di esperienza tecnica per i numerosi restauri fatti e troveremo con te le migliori soluzioni. Contattaci qui.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Filament.io 0 Flares ×
Ristrutturare una Casa Colonica; 5 buoni motivi per farlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Filament.io 0 Flares ×